Statistiche Web

Perseguita lo zio per denaro, arrestato in flagranza dai Carabinieri

19/03/2018 - E' domiciliato ad Ancona l'uomo che dopo aver perseguitato e minacciato di morte lo zio nel riminese è stato arrestato, con tanto di flagranza di reato, dai Carabinieri

Nel corso del pomeriggio di sabato, i militari della Stazione Carabinieri di Rimini Miramare hanno tratto in arresto, in flagranza del reato di atti persecutori, L. M., 37enne originario della provincia di Forlì Cesena, ma di fatto domiciliato ad Ancona, già noto alle forze dell’ordine per precedenti di polizia. Erano circa le 15:30 di sabato quando i militari, impiegati nell’ambito del quotidiano servizio di controllo del territorio, a seguito di richiesta di intervento giunta al numero di emergenza 112, intervenivano nel quartiere San Giuliano dove l’uomo aveva danneggiato il videocitofono ed il portone di ingresso dell’abitazione di uno zio, imbrattando il cortile con le proprie feci.

Alla vista dei militari l’uomo continuava ad inveire contro il parente che, notando lo stato di alterazione psicofisica del nipote, attesi i già numerosi episodi spiacevoli che si erano verificati tra di loro, preferiva non scendere in strada e richiedere l’intervento dei Carabinieri. Con non poca difficoltà i militari riuscivano a calmare l’uomo che, nel frattempo continuava a minacciare, anche di morte, lo zio. "Ho un coltello" proferiva il ribelle. Da successiva perquisizione infatti presso la stanza di albergo in cui lo stesso aveva dormito la notte consentiva di rinvenire un coltello a serramanico, un taglierino, un coltello multiuso, un batticarne in acciaio ed un paio di forbici.

Dopo aver condotto L.M. in caserma, i Carabinieri procedevano a ricevere la denuncia dello zio e della zia i quali, particolarmente scossi e spaventati, riferivano che tali atteggiamenti violenti ed aggressivi del nipote perduravano ormai da tempo. L’uomo, disoccupato, era solito chiedere denaro agli zii: ma quando questi non corrispondevano la somma richiesta o non potevano dargli denaro, lo stesso andava in escandescenza, minacciandoli pesantemente. Ed infatti erano proprio di qualche giorno le ultime denunce per minaccia presentate dallo zio che, vista l’escalation d’ira del nipote, iniziava a temere per la propria incolumità fisica.

Per l'uomo, L.M., dopo le formalità di rito, è stato dichiarato in arresto e trattenuto presso le camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Rimini Via Flaminia in attesa della celebrazione del rito direttissimo. Nel corso della mattinata, a seguito dell’udienza di convalida svoltasi presso il Tribunale di Rimini, l’arresto è stato convalidato ed all’uomo è stata applicata la misura della custodia cautelare in carcere.





Questo è un articolo pubblicato il 19-03-2018 alle 17:30 sul giornale del 20 marzo 2018 - 166 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, ancona, vivere ancona, laura rotoloni, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aSOR