Statistiche Web

Calcio: La Jesina con il cuore, più che con le gambe

24/09/2017 - Vittoria pesante per la Jesina, che batte il San Marino e porta a 4 la serie delle partite utili, senza sconfitte.

Non è stata una partita facile per la squadra di Gianangeli, contro una squadra apparsa ben organizzata e ordinata, che ha girato attorno alle giocate di due elementi di valore, Nappello e Pestrin, trentanove anni ben portati da quest’ultimo.

Parte piuttosto bene la Jesina, che si riversa nella metà campo ospite e già al 4’ mette in pericolo la porta ospite con Parasecoli che si incunea sulla sinistra. Tiro molto angolato, alzato sopra alla traversa dal portiere Fall, con la punta delle dita. Il portiere ospite ancora protagonista al 7’, quando riesce a ribattere la conclusione di Pierandrei, si avventa sulla palla Magnanelli che rimette al centro, ma la difesa riesce a liberare.

Passato il quarto d’ora iniziale, il San Marino riesce a organizzarsi e, rinunciando a una semplice difesa, inizia a fare capolino sull’area di casa. Gli unici pericoli vengono da due calci di punizione battuti magistralmente da Nappello. Nella prima occasione, al 29’, batte centrale da una trentina di metri, costringendo Tavoni al calcio d’angolo, poi, al 37’, stavolta del limite dell’area, per poco non sorprende l’estremo difensore di casa, che si allunga e spedisce in corner.

Ma l’occasione più chiara è per la Jesina al 43’: Carotti lancia in profondità Pierandei, che incrocia e trova lo spazio per lasciar partire una conclusione piuttosto angolata. Fall sembra battuto, ma riesce a salvare.

Non appena le squadre ritornano in campo, le condizioni atmosferiche hanno un brusco peggioramento, inizia a diluviare e si alza un vento forte che, soffia in favore della Jesina. C’è appena il tempo per battere un calcio di punizione, con Trudo che viene servito male e non riesce a rendersi pericoloso (10’), di conquistare 3 calci d’angolo, poi, al 13’, l’arbitro Spataru richiama negli spogliatoi le squadre.

Vento e pioggia non permettono il regolare svolgimento della partita: fuggi fuggi anche sugli spalti, con gli spettatori che cercano riparo e cabina stampa presa d’assalto da ospiti (graditi), l’ex leoncello Spuri e il tecnico Alessandrini.

La sosta dura poco più i 10’, ma ha il potere di cambiare la partita: la Jesina torna in campo ancor più determinata e riprende a giocar in maniera efficace. Al 19’ bella serpentina di Trudo, che entra in area; il suo tiro viene ribattuto da Di Maio, al tiro Magnanelli che colpisce il piede di un difensore e, sul cross seguente che parte dai piedi di Carotti, bel colpo di testa di Pierandrei, che fa la barba al palo sinistro.

La Jesina colleziona calci d’angolo a ripetizione, alla fine saranno 9, ma ancora non riesce a passare. Al 28’ Nappello calcia altro un calcio di punizione, da buona posizione.

Strano a dirsi: dopo aver corso gli unici pericoli sui calci piazzati del numero dieci ospite, la Jesina passa in vantaggio proprio dagli sviluppi di un calcio piazzato. È il 31’, Trudo guadagna un calcio di punizione a pochi metri dall’area, pennellata di Anconetani che batte di precisione Fall (nella foto). 1-0! Partita praticamente finita, unico rischio corso da Tavoni al 44’ su azione di calcio d’angolo. Bisoli anticipa tutti, ma la sua girata finisce sui piedi di Giorni che allontana il pericolo.

JESINA-SAN MARINO 1-0

Jesina: Tavoni, Silvestri, Anconetani, Carotti, Giorni, Gremizzi, Cameruccio, Magnanelli, Pierandrei (35’ st Margarita), Trudo (43’ st Sassaroli), Parasecoli (29’ st Giovannini). All.: Gianangeli.

San Marino: Fall, Di Maio, Pestrin (39’ st Guidi), Nappello, Errico (12’ st  Gadda), Cevoli, Ciurlanti, Bugaro (25’ st Bisoli), Ceccarelli, Zeqiri (35’ st Candolfi), Cinque. All.: Jidavy (al posto dello squalifiato Orecchia)

Arbitro: Spataru.

Reti: 31’ st Anconetani

Ammoniti: 18’ pt Cinque, 28’ pt Giorni, 34’ pt Nappello, 39’ pt Carotti, 24’ st Trudo

Corner: 9-5

Spettatori: 800 circa





Questo è un articolo pubblicato il 24-09-2017 alle 17:38 sul giornale del 25 settembre 2017 - 152 letture

In questo articolo si parla di sport, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aNjT